Studio Del Bene - Chiropratica e cura della persona

E tu, cosa ne sai sull’influenza?

cosa ne sai sull'influenza

Un breve test per saperne di più

1- Da cosa deriva il termine “influenza”, usato per indicare la nota malattia?

a) da alcune ricerche che hanno dimostrato come l’influenza derivi dai germi di altre persone
b) dal fatto che si credesse che i sintomi fossero il risultato della cattiva influenza degli eretici
c)perché si pensava fosse trasmessa dall’influenza della gente indigena sugli esploratori e
 conquistatori.

d) perché un tempo si credeva che questa forma di malattia fosse causata dall’influenza degli astri,
 della luna e delle stelle.
e) perché si pensava fosse frutto di rituali magici.

2- Se entri a contatto con una persona che ha l’influenza a quanta distanza devi tenerti da essa?
a) sette metri

b) 50 centimetri
c) non devi assolutamente avvicinarti

d) quasi due metri

e) un metro
3- A parità di condizioni, su quale tipo di superficie il virus dell’influenza ha maggiori possibilità di sopravvivenza?

a) sulle mani

b)sui fazzolettini

c)sulle piante
d)su piani di lavoro di acciaio e superfici di plastica

e)sui tessuti

4-Se tocchi una superficie contaminata quanto tempo sopravvive il virus sulle tue mani?
a)5 minuti

b)15minuti
c)2 ore

d)fino a che non lavi le mani
e) 1 giorno
5- Per quanto tempo un malato è contagioso?

a) incubazione
b) anche senza sintomi
c) da 3 a 7 giorni
d) più di 7 giorni

e) un giorno prima della comparsa dei sintomi
6- In Australia quale pratica hanno vietato per ridurre casi di influenza nelle scuole?
a) soffiare le candele

b) accendere le luci

c) scambiarsi i colori

d) portarsi la merenda da casa

e) tenersi per mano
7- Che tipo di malattia è l’influenza?

a) ereditaria

b) malattia da protozoo

c) prionica

d) batterica

e) virale


8- Quali precauzioni possiamo prendere per diminuire le probabilità di contagio?

a) evitare luoghi affollati e manifestazioni di massa

b) lavare regolarmente e frequentemente le mani con acqua e sapone; in alternativa possono essere usate soluzioni detergenti a base di alcol o salviettine disinfettanti

c) evitare di portare le mani non pulite a contatto con occhi, naso e bocca

d)coprire la bocca e il naso con un fazzoletto di carta quando si tossisce e starnutisce e gettare il fazzoletto usato nella spazzatura
d) areare regolarmente le stanze di soggiorno.
9- Si può allattare se si ha l’influenza?

a) se si riposa abbastanza

b) se si prende moltissima vitamina C

c) se si fanno docce calde
d) se si beve molto brodo di pollo

e) sempre ed usando possibilmente una mascherina sulla bocca.

n°1, risposta esatta d 
In antichità si pensava che la malattia fosse il frutto dell’influenza degli astri nella vita dell’uomo e delle stagioni. Il termine fu adottato in Inghilterra nel 1743.

n°2, risposta esatta d 
Secondo una ricerca della Wake Forest School of Medicine svolta su un campione di 61 pazienti, la distanza di trasmissione di un virus è di circa due metri.

n°3 risposta esatta d 
Il Journal of Infectious Diseases ha pubblicato uno studio di ricerca che dimostra il tempo di sopravvivenza del virus influenzale su varie superfici. Si è scoperto che le superfici non porose, le superfici dure, come l’acciaio inossidabile e plastica, hanno permesso al virus di vivere fino a 48 ore. Mentre sulle superfici morbide o porose il tempo di sopravvivenza del virus è dalle 8 alle 12 ore.
n°4 risposta esatta b

n°5) risposte esatte a – b – c -d -e
Tutte le risposte sono esatte, infatti i pazienti affetti da influenza sono già contagiosi durante il periodo di incubazione, prima della manifestazione dei sintomi, soprattutto il giorno prima della loro comparsa.
Una persona adulta può trasmettere il virus da 3 a 7 giorni dopo l’inizio della malattia.
I bambini sono contagiosi più a lungo.
Delle persone possono essere infette dal virus e quindi trasmetterlo agli altri pur non presentando nessun sintomo

n°6 risposta esatta a
E’ stato vietato, infatti,di soffiare le candeline e in special modo quelle sulle torte per impedire la propagazione diretta del virus che si trasmette più facilmente attraverso goccioline di muco e di saliva. E’ stato, quindi, suggerito di adottare, nelle feste, delle monoporzioni di torte.

n°7 risposta esatta e

n°8 risposte esatte a -b -c -d -e
n°9 risposta esatta e
Il virus influenzale è diffuso in tutto l’organismo e quindi anche nel latte, dove però sono presenti gli anticorpi che comunque difendono il bambino. Quindi non bisogna mai smettere di allattare anche se, tuttavia, è consigliabile farlo mettendo una mascherina sulla bocca per impedire che il virus possa trasmettersi per “via aerea”.